Arriva il Natale…

odio-il-natale

A me il Natale non piace.
Non voglio sembrare una che va contro corrente per sentirsi originale,
ma è un fatto che io nutra un’insofferenza sempre più spiccata per questa festività.

Per quel che mi riguarda, il Natale “è uno di quei giorni in cui ti prende la malinconia e fino a sera non ti lascia più” come diceva bene quella famosa canzone.

Quello spleen che avvolge come una coperta che non riesce a scaldare e,
non apportando un vero conforto, ne restituisce solo l’illusione.
O come una canzone di Elliott Smith, che se anche non l’hai capita bene,
ti cuce addosso irrequietezza,
facendoti vibrare di malinconia anche se non vorresti.
Non so se ho reso l’idea.

E’ che a Natale si è obbligati a sentirsi più buoni,
ma a me viene la carogna e – se potessi – mi chiuderei in casa per un mese, aspettando che passi.

Vorrei che terminasse in un baleno quell’eco dapprima colta in sordina – e via via sempre più intensa – che al fine assume toni roboanti,
con il suo carico di sciocchezze melense e ipocrisie malcelate.
Quell’insostenibile simulazione di gaiezza mi innervosisce:
non è reale, ma ci si ostina a crederla tangibile,
mentre quella felicità può essere solo dei bambini.

Natale è quella ricorrenza che enfatizza la solitudine di chi è già solo,
la lontananza di chi è altrove e le dolorose assenze di coloro che non ci sono più, ma che si vorrebbero ancora al proprio fianco.

Poi trovo stucchevole quel vezzo dicembrino sempre più invadente delle cene pre-natalizie, da consumarsi con persone che non si frequentano praticamente mai, perché “almeno a Natale vediamoci”:
semplici conoscenti che sotto le festività non trovano nulla di meglio da fare che riempirsi l’agenda di incontri trascurabili.

Praticamente impossibile sottrarsi alla ormai diffusa abitudine di scambio di doni, troppo spesso superflui.
Per quel che mi riguarda prediligo fare sorprese quando non c’è una precisa ricorrenza, gratificandomi nel fare un regalo inaspettato e quindi meno ovvio.

Nonostante mi piacciano le tradizioni – e quando è possibile le rispetto – nutro un’avversione per la smodata quantità di cibo che viene preparata per i menù natalizi.
Come se ci si dovesse rimpinzare di leccornie solo in questo periodo dell’anno: un tempismo anacronistico di cui non capisco il senso.

E va da sé che non riesca a sottrarmi quasi a nulla, ma con il tempo miglioro, riuscendo a scansare quello che mi è veramente intollerabile.

O forse tutto questo fastidio deriverà dal fatto che il giorno successivo al Natale è il mio genetliaco e trovo alquanto sgradevole compiere gli anni ogni anno tutti gli anni, che sarebbe proprio arrivato il tempo di darci un taglio, ma pare che non sia possibile.

Ma “domani è un altro giorno, si vedrà”.

In ogni caso, Buon Natale a Tutti.

Annunci

Informazioni su ottobiscotto

Nasco a Milano, città in cui vivo. Ho la presunzione di essere simpatica, lasciandomi anche la libertà di non esserlo. Quando ho qualcosa da dire la scrivo, ma non sempre. Mi piace fotografare la vita con le immagini e con le parole.
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Arriva il Natale…

  1. nicochillemi ha detto:

    Assolutamente comprensibile il tuo disagio Catia! Le cose negative le sappiamo, e sono la gran parte dei cattolici che pretendono e giudicano, la gran parte del mercato che chiede e consuma, la gran parte dei media che ritrasmette e impone che tu veda sempre le stesse cose. Io cerco di vederci quello che c’è di buono. Ritrovarsi per esempio (per fortuna con chi frequenti nel mio caso) o starsene a casa e riposarsi, magari pianificando il prossimo viaggio! Ti abbraccio, spero di rivederti presto, un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...